Migliori app per Imparare l’inglese nel 2021

Oltre al classico corso annuale che ti possono proporre gli svariati istituti della tua città, per l’imparare le lingue puoi anche pensare ad altri canali e modalità.

Tra queste, una delle più comode è sicuramente di quella di utilizzare le app scaricabili dal tuo smartphone o dispositivo: al posto di aspettare il martedì e il giovedì pomeriggio per andare in classe, il tuo corso di lingua potrai averlo sempre a portata di mano, potrai darci un occhio in ogni tuo momento di pausa per svagarti un po’, durante il classico momento morto.

Può interessarti: Come imparare l’inglese senza andare all’estero 

Parlando in particolare dell’inglese, tra le molte app che hai a disposizione, te ne segnalo qualcuna tra le più funzionali e ben strutturate.

Cake

Anteprima delle funzioni della app Cake

Per prima ti propongo Cake, un’applicazione molto simpatica e soprattutto completamente gratuita. Cake è un’app che si basa sulla modalità d’insegnamento attraverso l’uso di video: ogni giorno vengono caricati nuovi video con svariate scenette di eventi quotidiani, dalle uscite con amici a piccoli sketch che possono capitare in università, alle situazioni di cene in pizzeria.

È una modalità molto carina per imparare l’inglese perché ti facilità con alcune delle sue opzioni d’uso: ogni video lo puoi stoppare e mandare indietro per riascoltare le frasi con più attenzione, avrai dunque la possibilità di dedicare ad ogni nuova frase tutto il tempo che ti necessita.

Può interessarti: le migliori serie per imparare l’inglese

Analogamente, Cake ti dà la possibilità di fare pratica con la tua stessa pronuncia: potrai registrare la tua voce ed avere il feedback dell’app, una risposta qualitativa dal tuo dispositivo sui tuoi progressi.

Non da ultimo, con quest’applicazione puoi anche usare il servizio di messaggistica istantanea, per avere conversazioni in tempo reali con altri users come te, fuori da qualsiasi imbarazzo della paura di sbagliare.

È un’app molto semplice ed intuitiva all’uso, oltre che completamente gratuita, piacevolmente creativa.

Duolingo

Altrettanto gratuita al 100% è l’app di Duolingo, altrettanto dinamica e fantasiosa. Inizialmente, non appena hai scaricato l’app, ti viene chiesto di creare il tuo profilo, tra capacità linguistiche iniziali, al tempo che vuoi dedicarci: dovrai dire se devi partire dall’ABC, oppure da un livello più intermedio, poi anche se vuoi spenderci 5, 10, 15 o 20 minuti al giorno.

Offrono un abonamento con il quale puoi imparare senza interruzioni pubblicitarie.

Duolingo è strutturata in modo divertente perché segue l’idea di una sorta di gioco interattivo: per ogni categoria – viaggi, arte, discorsi sui massimi sistemi, business e quant’altro – vi sono delle sorte di piccoli test, sfide simpatiche, coi quali puoi perdere vite od acquisire punti per passare al livello successivo.

Per imparare l’inglese con Duolingo puoi sfruttare qualsiasi momento della tua giornata, in coda alla cassa o seduto sul sedile dell’autobus, le lezioni sono semplici ma efficaci.

Non da ultimo, al termine dell’intero corso, Duolingo ti fa sostenere un esame finale grazie al quale, una volta superato, ti verrà rilasciata una certificazione linguistica riconosciuta da molte aziende, tra le quali anche Linkedin.

Babbel

Babbel è una delle app più conosciute per imparare le lingue online, attiva dal 2007 e che ad oggi conta più di un milione di iscritti. Non è completamente gratuita, il servizio è a pagamento, ma con proposte di prezzo assolutamente accessibili e tariffe agevolate se usufruisci del servizio per più mesi.

Non a caso, il mese singolo lo paghi 9,95 euro, il trimestre 19,95 euro – dunque 6,95 euro mensili -, il semestre 33,30 euro – 5,55 euro mensili – e l’anno intero 59,40 euro – 4,95 euro mensili.

Oltre che per l’effettiva economicità, Babbel gode di tanta notorietà per l’articolazione delle lezioni e degli esercizi diversificati, sempre organizzati da esperti: se parti da zero puoi entrare subito a contatto con l’inglese coi primi esercizi di conversazioni e dialoghi realistici; hai poi la possibilità di personalizzare il tuo percorso d’apprendimento, secondo le tue tempistiche e modalità.

Che tu sia un principiante oppure di livello avanzato, ma con voglia di continua pratica per tenersi in allenamento, Babbel ti offre la possibilità di imparare l’inglese anche per l’uso professionale della lingua. 

Wlingua

Anche Wlingua può tornarti utile per l’apprendimento dell’inglese, altrettanto economica: oltre alla versione completamente free, quella base, puoi acquistare la versione premium a modici prezzi – versione che puoi innanzitutto provare gratuitamente per un mese e che non si rinnova automaticamente allo scadere del tempo!

Le tariffe, come potrai vedere, sono molto accessibili se le metti al confronto con lezioni private da un madrelingua o presso una scuola privata: un mese a 9,99 euro, un semestre a 19,99 euro e un anno a 59,99 euro.

Come la versione premium, sicuramente più estesa, anche quella base è molto efficace: strutturata in modo preciso su più di 600 esercizi per ogni livello di lingua che tu abbia scelto – base, intermedio, avanzato, da A1 al B2 -, Wlingua ti offre la possibilità di esercitarti da tutti i punti di vista della lingua, dalla grammatica al vocabolario specifico, diversificati anche tra inglese britannico ed inglese americano con i rispettivi corsi sulle differenze di pronuncia.

Per ogni lezione dovrai spendere al massimo 15 minuti e, cosa molto utile, quest’applicazione punta molto sul ripasso: in ogni nuova lezione troverai elementi della precedente, per far sì che tu possa fissare le nuove nozioni.

Wlingua, in questo modo, è adatta anche per chi vuole consolidare le proprie competenze e mantenersi sul proprio livello con costanza e pratica, senza necessariamente dover spendere soldi. 

Memrise

Vincitrice del premio come Migliore App del 2017, anche Memrise è una delle app più conosciute per imparare l’inglese. Con la possibilità di personalizzare il proprio percorso di apprendimento, Memrise propone un metodo che mantenga alta la tua motivazione e che ti permetta di continuare a migliorare.

Tra clip audio, video, esercizi anche d’intrattenimento, quest’applicazione si allontana un po’ dall’insegnamento tradizionale della lingua -no ai libri di testo e no alle grammatiche -, per far leva sul concetto di Buttati senza paura e fatti capire!

Anche questa app propone corsi diversificati tra inglese USA ed inglese UK e su più livelli, da principiante a competente – per l’inglese UK, per esempio, ti offre un ventaglio di sei livelli diversi, tutti con le loro particolarità: dalla ricerca delle parole più usate per affrontare più situazioni con disinvoltura, ai campi semantici del clima o della politica e quant’altro. Al prezzo di 47,01 euro all’anno puoi anche ottenere l’abbonamento alla versione più estesa, così da poter sfruttare ancora di più Memrise e le sue funzionalità.

Abbastanza e piacevolmente fuori dagli schemi, Memrise è divertente e contagiosa, soprattutto visti gli scambi che puoi intrattenere coi madrilingue, ragazzi della tua età pronti ad insegnarti gli slang giusti per ogni situazione!

ABA english

ABA English, sia nella versione della piattaforma online, sia come app, è un’altra modalità che mi sento di consigliarti per imparare l’inglese, data la sua preziosa adattabilità agli utenti: come altre, anche ABA English propone percorsi didattici fatti su misura per l’allievo, potrai quindi scegliere come e con chi iniziare i corsi, confrontandoti con degli esercizi che ti coinvolgono in prima persona, avendo anche la possibilità di contattare direttamente un professore, per chiarire qualsiasi dubbio.

La gamma di corsi da scegliere anche qui è variegata, dalle basi A1, sino ad arrivare ad un C1, dunque ad un livello assolutamente professionale; scelto da dove partire, già dal primo esercizio ABA English ti immerge nella lingua con dei piccoli film con personaggi dai diversi accenti e provenienze; poi ancora vocabolario, esercizi di pratica per la composizione di testi e pratica per la produzione orale: per ogni lezione superata, ottieni punti e tieni sott’occhio i tuoi progressi.

Aba English viene aggiornato ogni giorno con nuove piccole lezioni e ti dà l’opportunità di parlare con altri moltissimi studenti da tutto il mondo.

Anche in questo caso puoi usufruire della versione premium con 25,00 euro per un mese, 60,00 euro se acquisti il semestrale – 10,00 euro mensili! -, oppure 80 euro per il corso di un anno, cioè per 6,67 euro al mese: come noti, sono veramente prezzi stracciati anche in questo caso!

English Grammar Test

L’applicazione di English Grammar Test è ottima invece per chi ha già un livello intermedio o medio alto, se parti quindi già da un B1 o B2 è ottima: molto semplice all’uso e lineare come format, English Grammar Test ti propone svariate unità della grammatica inglese – per ognuna della quali trovi tutte le spiegazioni altrettanto limpide – con annessi esercizi a fine lezione.

La divisione in unità è veramente ottima ed in più, cosa non da poco, è un’App molto ben regolata anche per quanto riguarda le correzioni: per ogni risposta, che sia azzeccata o meno, troverai sempre una chiara spiegazione che ti aiuti a capire meglio l’esercizio oppure dove hai sbagliato, stimolandoti ogni volta alla pratica ed inducendoti al progresso.

Oltre alle centinaia di test e alle attività che puoi fare, con English Grammar Test puoi confrontarti nelle chat private con gli altri studenti e rimanere sempre attento e cosciente del tuo inglese.

Soprattutto, il team di English Grammar Test è saldo nella convinzione che la conoscenza debba essere accessibile a tutti senza alcun limite: per questo il servizio offerto è completamente gratuito ma non per questo inefficace.

Tandem Language Exchange

Tandem Language Exchange è un’App molto particolare che punta sul motto l’unione fa la forza: come potrai immaginare, la chiave dell’app è l’accostare due madrilingue che si aiuteranno a vicenda.

Vuoi imparare l’inglese? Contatta un user che voglia d’altra parte approfondire l’italiano e sostenetevi reciprocamente nei vostri obiettivi. Lo scambio in questo caso non sarà solo linguistico, ma anche culturale: come tu potrai raccontare al tuo amico James di quanto sia buona la polenta di tua nonna Agrippina, James ti potrà raccontare delle sue faccende prettamente proprie della periferia anglosassone in cui vive. 

Scegli la lingua da imparare, trova la community di riferimento e lancia proposte sui temi che vorresti approfondire – sport, cucina, vestiti, qualsiasi cosa! Chiaro è che con questa modalità è molto più spontaneo l’apprendimento di una lingua: tu e James non sarete in imbarazzo perché sicuramente sulla stessa barca, vi sentirete quindi liberi di sbagliare e velocizzerete così il vostro inglese ed italiano; soprattutto, potrete scegliere se sentirvi per chiamata, messaggio, altrimenti di persona – James sicuramente ti offrirà volentieri una Double Hop Monster!

Anche con Tandem Language Exchange puoi sottoscriverti alla versione Pro, con più funzioni di cui poter giovare – no pubblicità, possibilità di ricerca di utenti in base alla posizione geografica, e molto altro -, con tariffe alquanto modiche: 6,99 euro per un mese, 12,49 euro per il trimestrale, 49,99 per l’anno intero, oltre le altre offerte più particolari che ti segnalo qui.

I Livelli di lingua

Immagino saprai già quale sia la modalità di classificazione dei livelli di lingua, ma repetita iuvant sicuramente. Il sistema in questione prende il nome di Common European Framework of Reference for Languages CEFR – in italiano, Quadro Comune Europeo di Riferimento per la Conoscenza delle lingue QCER – ed è adottato appunto a livello di Unione Europea. La classificazione si basa su un sistema di lettere e numeri, a partire da A1 principiante alle prime armi, fino al C2 che è proprio di un madrelingua.

Nello specifico abbiamo la sezione della lettera A, tra A1 ed A2, che prevede una conoscenza elementare della lingua: chi rientra in questa fascia produce delle frasi molto lineari e semplici, volte sostanzialmente al soddisfare un bisogno concreto della quotidianità.

Con un po’ più di studio e pratica, si entra invece nella fascia B, sempre differenziata tra B1 e B2, che è quella che viene intesa comunemente come gestione della lingua in autonomia: il livello B1 è intermedio o di soglia, col quale si sanno gestire con disinvoltura molte situazioni occasionali senza troppi inceppi, si sanno produrre testi scritti coerenti su tematiche d’interesse personale e non solo. Col B2 ancora di più: il livello intermedio superiore o medio alto, si interagisce con scioltezza e spontaneità e si sanno produrre testi scritti con degli articolati e chiari svolgimenti dei pro e contro di determinati argomenti.

Infine, la fascia di C1 e C2 è detta quella della padronanza: in efficiente autonomia (C1) l’uso che si fa della lingua è sicuramente flessibile e disinvolto anche nelle tematiche sociali, accademiche o politiche; col C2 si è proprio al pari di James: si è a tutti gli effetti conoscitori dell’idioma come un madrelingua, non si hanno imbarazzi né inceppi neanche in situazioni complesse, si colgono tutte le sfumature di un testo scritto – esplicite ed implicite – ci si esprime in modo assolutamente scorrevole e soprattutto preciso.

Riassunto dei prezzi 

AppPrezzo mensilePrezzo annuale
Cakegratuitogratuito
Duolinguogratuitogratuito
Babbel9,9559,40
Wlingua9,9959,90
Memrise8,9969,96
ABA 25,0080,00
English Grammar Testgratuitogratuito
Tandem6,9949,99

Riassumendo le tariffe:

Cake, Duolingo ed English Grammar Test offrono un servizio completamente gratuito, al 100% gratis.

Con Babbel il mese singolo lo paghi 9,95 euro; il trimestre 19,95 euro; il semestre 33,30 euro; l’anno intero 59,40 euro.

Wlingua propone per la versione premium 9,99 euro per il mensile, 19,99 euro per semestre, 59,99 euro per l’anno.

Memrise ti offre la possibilità di sottoscrivere all’abbonamento annuo a 69,96 euro e il mensile a 8,99.

Con ABA English paghi 25,00 euro per un mese, 60,00 euro il semestrale, altrimenti 80 euro per il corso annuale.

Infine, Tandem Language Exchange con la sua versione Pro ti propone 6,99 euro per un mese, 12,49 euro per il trimestrale, 49,99 per l’abbonamento annuale.

I migliori traduttori per l’inglese

A questo punto non vengo meno al mio dovere di segnalarti anche i migliori traduttori online, onde ti servissero per qualche tuo lavoro.

Google Translate è sicuramente il più noto, sottovalutato a tratti, ma comunque sempre in perfezionamento. Puoi scaricarti anche qui l’app e godere delle sue funzioni, anche offline: traduzioni istantanee col copia incolla, traduzione anche attraverso la fotocamera.

Reverso Traduttore, personalmente il mio preferito, è scaricabile gratuitamente o consultabile online: molto carino perché funziona per esempi semantici, a seconda del contesto della conversazione ti riporta le svariate possibilità di traduzione per un unico termine, altrimenti consente di ottenere traduzioni qualitativamente ottime di interi pezzi di testo.

Linguee è un’applicazione-dizionario che fornisce anche dizionari redazionali, vale a dire più dizionari lessicografici diversi nelle loro specificità tematiche; inoltre troverai le funzioni di ricerche rapide, utilizzo offline ed esempi d’uso.

PONS è un’altra app-dizionario e per le traduzioni di testi: ricerca intelligente, uso offline, controllo redazionale delle traduzioni per una garanzia di correttezza e soprattutto non ha limiti di grandezza di testo da tradurre, senza quindi alcune restrizioni.

Microsoft Traduttore, infine, è un’app che ti permette di tradurre testi, voci, foto e screenshots in modo istantaneo: oltre un testo scritto, con Microsoft Traduttore puoi dividere lo schermo per esempio quando stai assistendo ad una conversazione bilingue, puoi tradurre istantaneamente il dialogo di un film e salvarti anche le traduzioni delle espressioni idiomatiche più frequenti.

You May Also Like