N26 vs Revolut

Che cos’è Revolut?

Revolut, come già spiegato in questo articolo, è un servizio di banking online che cerca di offrire la comodità di un istituto finanziario tradizionale.
Con sede nel Regno Unito, questa azienda ha iniziato la sua attività nel 2015 e oggi è una delle banche senza commissioni di maggior successo al mondo. Dal 2018 sono riconosciuti dalla banca centrale europea, da cui hanno ricevuto la licenza bancaria.

Quando ti iscrivi a Revolut attraverso la loro applicazione gratuita, hai a disposizione diversi servizi: otterrete una carta prepagata che, un conto in Euro IBAN e un conto corrente nel Regno Unito. Con questi prodotti, è possibile eseguire varie operazioni come trasferimenti, prelievi al bancomat, acquistare i crypto valute e spendere i vostri soldi in qualsiasi parte del mondo.

Cos’è N26?

La storia di N26 non è molto diversa da quella della Revolut, in quanto si presenta come un’azienda fintech i cui inizi risalgono al 2015 a Berlino, in Germania.
Fin dall’inizio, questa società è nata come una banca, per questo motivo, come per Revolut, dispone di una garanzia di deposito e di una licenza bancaria regolata dall’Autorità di vigilanza finanziaria europea.

Ciò significa che N26 offre i suoi servizi di mobile banking e altri prodotti finanziari, come i conti di risparmio (in molti paesi europei). Infatti, registrandosi con l’applicazione di questa società si ha accesso a un conto corrente con un IBAN e a diverse carte di debito per le operazioni quotidiane. Si tratta di un’opzione innovativa per gestire il vostro denaro in patria e all’estero.

Similitudini tra queste banche senza commissioni

Prima di affrontare le differenze tra N26 e Revolut, daremo un’occhiata a ciò che questi servizi di mobile banking hanno in comune. Poiché si presentano come due delle più ricercate fintech del momento, dobbiamo sapere cosa le rende così speciali agli occhi degli utenti. Quindi, troviamo che entrambi offrono i seguenti vantaggi:

  • Personalizzazione delle notifiche
  • Accesso tramite smartwatch
  • Cambio del PIN della carta prepagata/debito
  • Funzione P2P per l’invio tra famiglia e amici di denaro
  • Visualizzazione in tempo reale dello stato del conto
  • Blocco e congelamento della carta tramite l’app
  • Esecuzione di pagamenti tramite Face ID o impronta digitale
  • Cambio di diverse valute al tasso interbancario
  • Disponibilità di dati statistici sulle vostre abitudini di consumo
  • Impostare le notifiche per i limiti di spesa, il trasferimento e altro ancora

Ora che conosciamo le loro somiglianze, vedremo i loro prodotti più riconosciuti e come differiscono l’uno dall’altro.

N26 Mastercard vs Revolut Mastercard 

Per poter confrontare N26 e Revolut, dobbiamo iniziare con i prodotti di punta di questi servizi di mobile banking. Entrambe le aziende vi offrono una carta di debito MasterCard che potete utilizzare per le vostre operazioni quotidiane, in viaggio o come backup per altre carte che avete con le istituzioni tradizionali.

Il modo più semplice e pratico per stabilire le loro differenze è attraverso una tabella comparativa:

N26 Revolut
Costo mensile0 EUR0 EUR
Prelievi al bancomatGratis in euro. 1,7% per ogni transazione in valuta estera.
Fino a 5 prelievi gratuiti al mese.
Fino a 200 EUR gratuito. Poi fanno pagare il 2% per ogni transazione.
Operazioni in altre valute Se non sono in euro, addebitano l’1,7%.
Da 0 a 2% i primi 6000 EUR. Poi il 2%.
Trasferimenti internazionali A seconda della valuta: da 0,35% a 2,85% (tramite TransferWise)
Da 0 al 2% i primi 6000 euro. Dopo di che, il 2%.
Spedizione della carta
Gratuito
6 euro
IBAN italiano
No
Servizio clienti Italiano
Inglese

Chi è il vincitore di questo confronto?

Entrambe le carte hanno un conto bancario dove depositare i vostri fondi. Qui sta la differenza principale di questo primo N26 contro Revolut. L’azienda tedesca ha 3 vantaggi per i suoi utenti che la rendono per ora la preferita per l’Europa:

  1. IBAN italiano
  2. Possibilità di effettuare addebiti diretti
  3. Servizio clienti in italiano

D’altro canto Revolut offre un bonus di 10€ usufruibile dopo la prima ricarica effettuata sul conto.

Mentre per viaggiare all’estero e gestire valute differenti dall’euro, Revolut per ora sembra la soluzione più azzeccata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *